AMR CESENA. 3.765 € PER L’ACQUISTO DI 2 ZERBINI, INSEGNE E LOGHI. POMPIGNOLI: “ANCORA SPESE PAZZE A CARICO DEI CONTRIBUENTI”

Cesena, 19 agosto. “3.765 € per l’acquisto di due zerbini, insegne e vetrofanie, altri 6.024,50 € per il completamento degli arredi e 1.389 € per il trasloco degli scatoloni da Ravenna.”
Spuntano altre spese pazze per la società consortile di AMR che, tra la fine del 2018 e i primi mesi del 2019, ha messo mano al portafogli per arredare con scarsa parsimonia la nuova sede legale di Cesena, in piazza Sciascia n.111.
A riferirlo è il consigliere regionale della Lega, Massimiliano Pompignoli, che già lo scorso 10 aprile, con una nota di denuncia, alzò il sipario sulle “spese folli sostenute per l’ostinata inaugurazione della sede unica di AMR che di fatto smentiscono, nel peggiore dei modi, la razionalizzazione dei costi millantata dai vertici della società e determinata, nelle intenzioni, dall’inaugurazione dei nuovi locali di Cesena. Queste cifre, che sono pubblicate sul sito di AMR nella sezione trasparenza (https://www.amr-romagna.it/amministrazione-trasparente/ 2019) integrano quanto già rivelato circa quattro mesi fa e riguardano solo alcuni dei provvedimenti adottati dalla società per soddisfare le esigenze dettate dall’allestimento e dall’inaugurazione della nuova sede. Mi spiace dover ritornare sull’argomento” – aggiunge Pompignoli – “ma quanto dichiarato dai vertici di AMR circa l’economicità della nuova sede unica di Cesena, è assolutamente falso. A smentirlo ci sono le determine che ho citato, gli importi, le spese e le fatture, rientranti anche nel 2019 e pubblicate sul sito della società.”