ANDREA LIVERANI (LN): «CONFRONTO POSITIVO CON IL CNA, MA LA GIUNTA DI FAENZA NON COGLIE L’OPPORTUNITA’ DELLE IMPRESE A “KM ZERO”.»

«Proficuo incontro con Cna, in cui abbiamo spiegato le nostre proposte: dalla risoluzione che verrà discussa in Assemblea legislativa, a proposito dell’autonomia; alla Flat-Tax, fino al concetto di impresa a km zero, sulla quale però l’amministrazione faentina non ha colto l’opportunità di questa sfida.» Commenta in questo modo, il consigliere regionale della Lega Nord, Andrea Liverani, il confronto sui temi economici avvenuto tra i rappresentati della Confederazione nazionale dell’artigianato, ed anche con il sindaco di Faenza, Malpezzi, la consigliera regionale Pd, Rontini, ed il senatorie Collina. Il Carroccio ha espresso quelli che sono i convincimenti sui benefici fiscali portati dalla Flat-Tax, una tassa “piatta” che consentirebbe alle imprese di pagare tutte una quota accettabile, mentre «il percorso sull’autonomia consentirebbe – sottolinea Liverani – maggiori possibilità: dalla tutela e sicurezza del lavoro, fino alla possibilità di utilizzare in Emilia-Romagna risorse per la ricerca scientifica e tecnologica, a sostegno dell’innovazione nei vari settori produttivi.» La divergenza vera, nei confronti del Pd, si è consumata sull’idea dell’impresa a “chilometro zero”: «Abbiamo espresso il nostro pensiero, che è quello di bandi che consentano nuove possibilità alle imprese del territorio – ha spiegato Liverani – per consentire anche di rilanciare l’occupazione locale. Il sindaco di Faenza ritiene che, trovandoci in Europa, non si debbano sfavorire le imprese straniere che partecipino ai bandi. Evidentemente, la difesa del territorio è un argomento che interessa al Pd solo quando fa più comodo. Per noi questa è, invece, una battaglia importante, e riteniamo che il rilancio economico della Romagna e la creazione di nuovi posti di lavoro siano strettamente connessi a questi provvedimenti. di cui abbiamo discusso con la Cna.»