ANDREA LIVERANI (LN): «PER I NOSTRI CITTADINI, UN TICKET OCCULTO SULLA SANITA’. IL PARADOSSO E’ CHE SOSTANDO NEGLI IPERMERCATI NON SI PAGA, MENTRE CHI VA ALL’OSPEDALE NON AVRA’ LA STESSA FORTUNA»

Che l’Italia sia il Paese dei paradossi è risaputo. Se, però, i cittadini di Faenza si troveranno nella spiacevole situazione di pagare ticket, sosta a pagamento (che potrebbe scattare presto) e parcheggiatori abusivi, per recarsi alla stessa visita medica, allora si potrebbe tranquillamente parlare di follia. «Riceviamo continuamente lamentele da parte di nostri concittadini – spiegano il consigliere regionale della Lega Nord, Andrea Liverani, ed il capogruppo in consiglio comunale Ln, Gabriele Padovani -. I quali affermano di essere continuamente molestati da parcheggiatori abusivi senza scrupoli, nell’area di sosta dell’ospedale». Non sono rari i casi di anziani che si recano ad una visita con l’ansia di rivedere la propria auto senza danneggiamenti, al loro ritorno. E, per questo, sono costretti a lasciare un euro a questi abusivi. «Il sindaco Malpezzi non ha negato che esista il problema – dicono Liverani e Padovani – ma di mettere maggiori controlli nell’area non se ne parla. La Polizia municipale ha presidiato il parcheggio soprattutto nel periodo elettorale, per poi sparire subito dopo. Ora, il Comune afferma di voler trovare una soluzione congiunta con l’Ausl, proprietaria dell’area. Alla domanda circa la possibilità di inserire la sosta a pagamento, per adesso, la Giunta ha glissato». Secondo il Carroccio, quella dei parcheggi a pagamento è una «non-soluzione». In primis, «perché anche dove le macchinette per il pagamento della sosta esistono, i parcheggiatori abusivi ci sono ugualmente. Magari, si appostano proprio alle casse automatiche, chiedendo “gentilmente” il resto. Inoltre, chi andrà all’ospedale, dovrà così pagarsi il ticket, la sosta e anche l’obolo per gli abusivi. Chiediamo – incalzano Liverani e Padovani – che sia adottato un altro metro: la Polizia municipale sia autorizzata a perseguire la questua molesta, come già avviene in comuni da noi amministrati. Inoltre, vorremmo porre una riflessione al sindaco: se sarà introdotta la sosta a pagamento all’ospedale, è mai possibile che chi si recherà al centro commerciale possa parcheggiare gratis, mentre chi sarà costretto ad andare ad una visita medica debba poi trovarsi anche un aggravio per la sosta dell’auto? Questa sarebbe un’assurdità intollerabile!».