BARGI E BETTUZZI (LN): “A MODENA DUE MILIONI DALLA REGIONE PER LA COSIDDETTA ACCOGLIENZA. PIOVONO SOLDI MENTRE I SINDACI NON SANNO PIU’ DOVE METTERE I MIGRANTI”

Oltre un milione di euro all’anno: è quanto la Regione eroga per i progetti di integrazione nella provincia di Modena, numeri che fanno ‘notizia’ in un periodo fortemente caratterizzato dalla cosiddetta accoglienza dei profughi o sedicenti tali. “Abbiamo raccolto i dati relativi a 2015 e 2016 – spiega il consigliere regionale della Lega Nord Stefano Bargi – e il totale, che supera i due milioni di euro, dice più di tante parole”. Anche perché, evidenzia l’esponente del Carroccio, queste risorse si uniscono a quelle stanziate direttamente dai Comuni e a quelle, ingenti, destinate dallo Stato. “Una vera e propria esplosione di spesa pubblica – chiosa Bargi – che viene molto difficile, per usare un eufemismo, definire produttiva. I territori sono infatti alle prese con una gestione dei nuovi arrivi sempre più difficile, di cui i sindaci si fanno portavoce con le loro lamentele: non sanno più letteralmente dove collocare i migranti, eppure piovono soldi per i progetti della cosiddetta accoglienza”. A proposito di territori, a raccogliere il malcontento locale è il segretario provinciale della Lega Nord Giuseppe Bettuzzi: “Emblematico il caso di Novi, dove la ricostruzione post terremoto presenta ancora dei gravi problemi. Nonostante ciò, il sindaco appena eletto ha annunciato l’arrivo di alcuni profughi in una frazione. Al di là delle belle parole per tranquillizzare la popolazione, la sensazione è che la situazione sia sempre meno gestibile”.