BARGI (LN): “MALTEMPO, NELL’APPENNINO MODENESE EMERGENZA DA TERZO MONDO”

“Una volta si sarebbe detto: cose che succedono solo nel terzo mondo, ma siamo a fine 2017 ed è inaccettabile che una nevicata faccia precipitare un territorio nell’emergenza totale”.  Stefano Bargi, consigliere regionale della Lega Nord, attacca sulle conseguenze del maltempo che ha investito nei giorni scorsi l’Appennino modenese. “Niente energia elettrica a Polinago anche per quarantotto ore, problemi nella fornitura dell’acqua a Serramazzoni. Situazioni assurde per una singola precipitazione, anche se avvenuta fuori dal periodo considerato a maggior probabilità. E’ ormai passato il concetto – prosegue il consigliere – che ogni evento atmosferico sia ‘straordinario’ anche in territori come quello montano. Ma chiaramente siamo al ridicolo: se le gente resta due giorni senza corrente ci sono problemi strutturali seri”. Bargi, che ha riguardo ha depositato un’interrogazione alla Giunta regionale, li individua: “La prevenzione, su cui gli enti pubblici coinvolti investono poco e male, dati i risultati, e il comportamento di chi offre i servizi energetici. Le multiutility – attacca il consigliere – sono sempre solerti ad addebitare costi aggiuntivi nelle bollette e soprattutto a incassarle anche in caso di palesi disservizi, ma restano spesso mute di fronte alle emergenze. E’ ora di smetterla con questo sistema di inadempienza ‘a tenaglia’, pubblico-privato, che finisce soltanto col danneggiare i consumatori. Specialmente in territori già penalizzati geograficamente come quello montano”.