CASALECCHIO: VIOLENZA SESSUALE SU BIMBA, LA LEGA EMILIA CHIEDE CASTRAZIONE CHIMICA E STOP ALL’IMMIGRAZIONE

“Un uomo che stupra una donna è un malato che non dovrebbe uscire mai di galera. Ma siccome questo è un Paese di buonisti chealla fine giustifica tuto e tutti, pretendiamo almeno che, una volta uscito  venga sottoposto a castrazione chimica”.

Così Fabio Rainieri, segretario nazionale della Lega Nord Emilia, Daniele Marchetti, consigliere regionale del Carroccio e Lucia Borgonzoni, commissario provinciale della Lega Nord Bologna intervengono a seguito dello stupro di una bambina di sei anni ad opera di un profugo. Teatro dell’orribile vicenda, Casalecchio di Reno dove un Senegalese 27enne ospite a casa di una famiglia di amici ha abusato della piccola.

“Quanto accaduto, nella sua totale drammaticità mostra quello che diciamo da troppo tempo: non tutti quelli che arrivano sui barconi sono brave persone. Per questo è necessario dare un giro di vite a questa immigrazione incontrollata e incontrollabile. Non possiamo continuare ad aprire le porte a chi, una volta giunto a casa nostra, violenta le donne e commette ogni genere di reato. Alfano e le prefetture si sveglino. Così non è più possibile andare avanti”.