CATTOLICA,118. LA LEGA INTERROGA LA GIUNTA E-R SUI REQUISITI DELLA POSTAZIONE ‘MARE’. POMPIGNOLI: “TEMPESTIVITA’ E QUALITA’ DEL SERVIZIO AL PRIMO POSTO”

La postazione del 118 Cattolica ‘mare’, un tempo ubicata sul lungomare di via Spinelli e recentemente spostata presso il primo piano del palazzo comunale, è al centro di un’interrogazione del consigliere regionale della Lega Massimiliano Pompignoli che aggiunge: “la nuova ubicazione comporterebbe numerose criticità logistico – strutturali e di sicurezza che vanno sanate al più presto. La stanza individuata per l’alloggiamento dell’equipaggio, peraltro sprovvista di impianto di climatizzazione, impone dei tempi di attivazione più lunghi rispetto a quelli di una postazione al piano terra e incrementa la percentuale di rischio infortunio degli operatori, perché li obbliga a scendere di fretta una lunga rampa di scale priva del corrimano. Il parcheggio individuato per lo stazionamento del mezzo di soccorso è stato identificato esclusivamente con segnaletica orizzontale di colore giallo senza il supporto di segnaletica verticale, tanto da renderne difficoltoso il rispetto come zona sgombra di mezzi non concernenti Ie attività di soccorso. Infine” – aggiunge il leghista – “lo stazionamento del mezzo del 118 avviene in un luogo non riparato dal sole, privo di tettoia, condizione che incide profondamente sul mantenimento del clima all’interno dell’ambulanza, sulle attrezzature e sul corretto mantenimento dei farmaci termolabili.”
Per questo motivo Pompignoli ha interessato la Giunta regionale per sapere “se non ritenga opportuno individuare, di concerto con l’amministrazione comunale di Cattolica, nuove soluzioni di locazione che migliorino l’erogazione del servizio di soccorso, la logistica, i tempi di attivazione e mobilitazione del personale del 118.”
“Chiedo a questo Regione di effettuare una ricognizione della postazione ‘mare’ del 118 di Cattolica per garantire ai turisti e ai cittadini della riviera le migliori condizioni possibili a livello di tempestività e qualità del servizio di soccorso nel periodo estivo.”