CONTRIBUTI AI COMUNI. RAINIERI (LN): “IL PD PREMIA I PEGGIORI”

“Uno degli ultimi regalini del governo Gentiloni/Renzi e della per fortuna ex maggioranza in Parlamento a guida PD, è quello di dare contributi a chi li ha gestiti peggio”. Con questo commento il Vice Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ed esponente della Lega, Fabio Rainieri, ha commentato l’ultima sua interrogazione presentata in Regione.

“Con l’ultima legge di bilancio dello Stato sono stati previsti contributi ai comuni per la messa in sicurezza di edifici e territorio – spiega il consigliere regionale leghista – Per il 2018 questi contributi sono 150 milioni di euro, per il 2019 300 e per il 2020 400. Non sono sicuramente tanti, viste le necessità di un patrimonio pubblico complessivamente malandato, ma sicuramente possono fare comodo. Così infatti pensano tanti amministratori comunali  che hanno invaso di richieste il Ministero dell’Interno per un ammontare di oltre 4 miliardi di euro. Del resto, questo grande interesse era previsto perché è la stessa legge di bilancio a prevedere un meccanismo per individuare chi finanziare nel caso l’entità delle richieste superasse l’ammontare prestabilito. Ma qui sta il brutto, perché per tale meccanismo saranno privilegiati i comuni che peggio hanno gestito le proprie risorse avendo i peggiori rapporti in negativo tra avanzo di amministrazione ed entrate finali. A bocca asciutta,  quindi, rimarranno quei comuni che hanno gestito le risorse finanziarie pubbliche con oculatezza magari imponendo ai loro cittadini sacrifici. Alla Giunta regionale ho quindi chiesto se condivide questo meccanismo che premia il demerito invece del merito e se intende intervenire per farlo modificare guardando ai meriti ed alle esigenze reali”.