Chiusura stabilimento Froneri (PR).

Testo dell'atto

INTERROGAZIONE a risposta scritta

Il sottoscritto Consigliere regionale del gruppo Lega Nord Emilia e Romagna

Premesso che nella giornata di ieri 27 settembre 2017, il gruppo internazionale Froneri ha annunciato che chiuderà lo stabilimento produttivo (ex Nestlè) di Parma, dove lavorano 120 persone.

Rilevato che, secondo quanto comunicato dai vertici aziendali, i licenziamenti riguarderanno solo personale addetto alla produzione e non interesseranno gli addetti alle attività amministrative, commerciali e alle altre funzioni non legate alla produzione; la sede legale del Gruppo in Italia, infatti, dovrebbe rimanere a Parma mentre i volumi di produzione realizzati fino ad ora a Parma dovrebbero essere riallocati negli altri stabilimenti produttivi del Gruppo in Italia a Ferentino e Terni.

Osservato invece che, secondo fonti sindacali, i lavoratori interessati dal licenziamento collettivo saranno più di quelli ipotizzati, sia perché la cessazione della produzione riguarderà anche circa 70 stagionali, sia in quanto sarebbero già arrivate anche ad amministrativi lettere di licenziamento.

Considerato che, sempre secondo le organizzazioni di lavoratori attive sulla vertenza, solo a luglio i vertici aziendali avevano smentito l’ipotesi della chiusura del sito produttivo e che tra circa 75 giorni i lavoratori interessati saranno legalmente disoccupati senza che siano stati per essi previsti ammortizzatori sociali.

Valutato che la vicenda per il rilevante numero di posti di lavoro a rischio ha inevitabili ripercussioni sociali e dovrebbe vedere parte attiva per la loro salvaguardia tutte le istituzioni del territorio compresa quindi la Regione Emilia-Romagna.

Interroga la Giunta regionale per sapere

Come valuta l’atteggiamento dei vertici aziendali di Froneri riferito dalle organizzazioni sindacali e se comunque prevede ci sia la possibilità di evitare la chiusura dello stabilimento produttivo e salvare tutti o almeno buona parte dei posti di lavoro a rischio, assicurando per quella parte di lavoratori il cui posto di lavoro non si riuscirà a salvaguardare idonee garanzie sociali.

Se e come intende attivarsi per intervenire su questa importante vertenza lavorativa e scongiurare le ripercussioni sociali dovute alla perdita di un numero rilevante di posti di lavoro oltre all’impoverimento del tessuto industriale di Parma.

Dettagli

  • Tipo Interrogazione
  • Data 2 ottobre 2017
  • Firmatari Rainieri
Scarica Atto Scarica Risposta
Back to Top