degrado all’Ex Sert di Ravenna.

Testo dell'atto

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Il sottoscritto
Consigliere del Gruppo Lega Nord

 

Premesso che:

 

  • In via Rocca dei Fossi 18 a Ravenna è situato un immobile di proprietà Ausl che fino al 2015 è stato usato come sede del servizio SERT locale;

 

  • In questo caso si parla di un fabbricato del dopoguerra, con notevoli vincoli strutturali e archeologici, che non presentava più le caratteristiche funzionali idonee a contenere le attività allocate sia per dimensioni che per stato di conservazione e aggiornamento degli impianti e delle finiture edilizie;

 

Considerato che:

 

  • L’azienda sanitaria ha preferito abbandonare l’immobile per costruire nuovi spazi per il servizio in altre strutture;

 

  • Lo stato di abbandono è ormai evidente e ci si trova ora un immobile con vegetazione incolta, alberi caduti all’interno della proprietà, chiome degli alberi che invadono l’area esterna e limitrofa come i marciapiedi che fiancheggiano il confine dell’immobile;

 

  • Parte della recinzione che delimita l’area è stata abbattuta da alberi caduti e rendono di fatto gli spazi facilmente accessibili dall’esterno;

 

Valutato che:

 

  • Questo stato di abbandono e degrado sembrano essere di richiamo per teppisti, criminali, senzatetto e spacciatori;

 

  • In un periodo in cui la cementificazione ha oltrepassato ogni limite e la ristrutturazione di immobili esistenti è uno dei sistemi più idonei a combattere la perdita di spazi verdi a favore di nuove costruzioni;

 

Interroga la Giunta per sapere:

 

  • Se è al corrente della situazione esposta e che giudizio ne dia;

 

  • Quali progetti ci sono per recuperare lo stabile di via Rocca dei Fossi 18 a Ravenna e quando si vedranno i primi effetti del recupero;

 

  • Che tipo di azioni straordinarie sono da attuarsi subito per mettere in sicurezza lo stabile ripulendolo e rendendolo meno vulnerabile dal degrado.

Dettagli

  • Tipo Interrogazione
  • Data 17 novembre 2017
  • Firmatari Marchetti
Scarica Atto
Back to Top