Diffida alla moschea di Fidenza (PR).

Testo dell'atto

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Il sottoscritto Consigliere regionali del gruppo Lega Nord Emilia e Romagna

Premesso che

  • L’immobile sito a Fidenza in Via Pertini di proprietà dell’associazione di promozione sociale Ennour e in grado di ospitare fino a quasi 500 persone, è già stato oggetto delle precedenti interrogazioni, n.4281 e 4397.
  • Nella risposta all’interrogazione n. 4281 l’Assessore regionale alle Politiche di Welfare, Elisabetta Gualmini, aveva invitato“..il Comune di Fidenza a vigilare sull’effettivo utilizzo della struttura una volta terminata, al fine di accertare l’uso per attività di promozione sociale, tra cui, è bene specificare, non rientrano quelle di culto, così come definito dalla Sentenza del Consiglio di Stato n.181/2013.”;
  • L’articolo 16 della Legge regionale 34/2002 recita:

1. Le associazioni di promozione sociale iscritte devono dare comunicazione ai Comuni in merito alla loro sede ed ai locali in cui intendono svolgere le proprie attività. La sede delle associazioni di promozione sociale ed i locali nei quali si svolgono le relative attività sono compatibili con tutte le destinazioni d’uso omogenee previste dal decreto del Ministro per i lavori pubblici del 2 aprile 1968, n. 1444 (Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attività collettive, al verde pubblico o a parcheggi da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensi dell’art. 17 della L. 6 agosto 1967, n. 765 Sito esterno), indipendentemente dalla destinazione urbanistica.

2. L’insediamento delle associazioni è subordinato alla verifica dell’osservanza dei requisiti igienico-sanitari e di sicurezza, non comporta il mutamento d’uso delle unità immobiliari esistenti e il pagamento del contributo di costruzione ed è attuato, in assenza di opere edilizie, senza titolo abilitativo.

2. bis. Le associazioni possono accedere ai benefici di cui al presente articolo a condizione che le attività svolte nelle sedi interessate siano di promozione sociale. Altre attività sono ammesse solo se strumentali e accessorie a quelle di promozione sociale.

  • Nella comunicazione n. prot. 5990, avente oggetto “…………………… / Circolo Ennour – redatta dal responsabile del Comune di Fidenza ed inviata alla professionista responsabile dei lavori è precisato che: “Qualora fosse riconsiderato il profilo dell’associazione e venissero a mancare i requisiti di APS, l’immobile, allo stato attuale della pianificazione urbanistica, non potrebbe più essere utilizzato per le attività sociali e dovrebbe essere ricondotto alla destinazione ammessa dallo strumento urbanistico per il tempo vigente”.

Considerato che

  • In data 03/10/2017 l’AUSL di Parma ha risposto a seguito di richiesta ex art. 30, comma 3 dello Statuto regionale n. 633/2017 presentata dal sottoscritto che i propri Servizi non hanno svolto nessuna attività di ispezione-controllo in ordine alle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità dell’immobile in oggetto;
  • Nel riscontro della medesima pratica 633/2017 il Direttore generale cura del territorio e dell’ambiente della Regione Emilia-Romagna ha dichiarato di non essere in possesso della certificazione di agibilità e conformità edilizia relativi all’immobile, che a quanto comunicato dal Comune alla responsabile dei lavori ed al circolo Ennour con nota del 12/02/2017, sarebbe stata comunque solo parziale, per cui solo una porzione dell’immobile, separata dal resto dell’edificio da cartongesso, potrebbe essere utilizzata.

Ricordato che

  • venerdì 1 settembre u.s. la Polizia municipale di Fidenza ha rilevato che il sopracitato stabile era utilizzato come luogo di preghiera in occasione della celebrazione della festa islamica del sacrificio.
  • Il Comune di Fidenza ha conseguentemente inviato una nota di diffida all’Associazione culturale Ennour nella quale si legge “…dalla successione e coincidenza dei fatti e dalla dichiarazione acquisita dagli agenti di Polizia municipale, risulta conseguente dedurre con ragionevole certezza che abbia avuto luogo una manifestazione di carattere o profilo religioso”.

Rilevato che

  • Il Comune di Fidenza ha inoltrato alla Regione Emilia-Romagna lo stesso atto di diffida inviato a detta associazione affinché la Regione valuti di prendere provvedimenti conseguenti;
  • Ad oggi non si riscontrano tracce pubbliche dello svolgimento all’interno dell’immobile di attività di promozione sociale da parte dell’Associazione Ennour, ma è invece evidente una numerosa frequentazione ogni venerdì, giorno dedicato dai musulmani alla preghiera, per cui sembra legittimo dubitare che le attività di natura religiosa non abbiano carattere parziale o secondario ma siano prevalenti.

Interroga la Giunta regionale per sapere

Se ritiene che l’accertamento dei requisiti di sicurezza, igiene e salubrità dell’immobile in oggetto effettuato senza la partecipazione dei Servizi competenti dell’AUSL locale sia legittimo e comunque adeguato al caso specifico di un immobile che può ospitare fino a quasi 500 persone.

Se reputa che dovrebbe essere attentamente accertato anche l’eventuale utilizzo della parte dell’immobile per cui il Comune di Fidenza non ha concesso l’agibilità in quanto, oltre ad essere pericoloso per l’incolumità delle persone, l’utilizzo illegittimo dovrebbe comportare anche la decadenza del beneficio della derogabilità della destinazione urbanistica di cui all’art. 16 della L.R. 34/2002.

Come intende procedere nei confronti dell’Associazione culturale Ennour in riferimento alla permanenza della sua iscrizione nel registro regionale delle Associazioni di Promozione Sociale essendo comunque già evidente, dai riscontri ufficiali effettuati, che non ha rispettato quanto prescritto dalle note del Comune in osservanza all’art. 16 della L.R. 34/2002.

Dettagli

  • Tipo Interrogazione
  • Data 24 ottobre 2017
  • Firmatari Rainieri
Scarica Atto Scarica Risposta
Back to Top