Maltrattamento bambini scuole: Pratofontana (RE) e Collecchio (PR).

Testo dell'atto

INTERROGAZIONE a risposta scritta

 

I sottoscritti Consiglieri regionali del gruppo Lega Nord Emilia e Romagna

 Premesse e condivise le dichiarazioni della Vice Presidente della Regione Emilia-Romagna e Assessore a welfare e politiche abitative, Elisabetta Gualmini, riguardo ai maltrattamenti che secondo i rilievi dell’autorità giudiziaria sarebbero stati perpetrati nei confronti dei bambini della scuola materna “Ventre” di Pavullo nel Frignano (MO) da una maestra ora agli arresti domiciliari: “Le accuse di maltrattamento fisico e psicologico a bambini piccoli in una scuola di Pavullo feriscono tutta la comunità emiliano romagnola, da sempre attenta in modo particolare all’educazione e alla formazione dei più piccoli. Si tratta di un comportamento gravissimo, che ci indigna profondamente”; “Chi sta nelle istituzioni ha il dovere e la responsabilità di agire per prevenire in ogni modo il ripetersi di episodi simili”; “Non tutto può essere prevenuto, ma non derogheremo sulla qualità del sistema scolastico e sulla formazione degli operatori. Lo abbiamo sempre detto: dai bambini parte tutto”.

Rilevato che in due recenti vicende analoghe accadute in questa Regione, riguardanti, ad agosto 2015, la materna di Pratofontana nel comune di Reggio Emilia e, a settembre 2015, il nido “Allende” in quello di Collecchio (PR), nelle quali sono state sottoposte a misure interdittive della libertà personale, maestre accusate di maltrattamenti ai bambini, non risulta che la stessa Vice Presidente abbia rilasciato altrettanto scandalizzate dichiarazioni.

Osservato che, nello specifico caso di Collecchio, la vicenda ha avuto conseguenze non solo mediatiche e giudiziarie ma anche dal punto di vista amministrativo in quanto è stata avviata una riorganizzazione dei servizi comunali per l’infanzia finalizzata, sia a prevenire i maltrattamenti, sia a dare maggiore serenità e sicurezza alle famiglie.

Sottolineato inoltre che nel Consiglio comunale di Collecchio è stata istituita, grazie alla forte e ferma volontà della minoranza di centro destra, una Commissione amministrativa d’inchiesta per accertare se nella suddetta vicenda vi siano state carenze di tipo organizzativo nell’ambito dei servizi comunali per l’infanzia.

Considerato che non sia ha invece riscontro che siano in atto nel Comune di Reggio Emilia iniziative di approfondimento su eventuali carenze amministrative concernenti l’asilo di Pratofontana né una revisione dei servizi per l’infanzia rivolta ad una migliore prevenzione contro i maltrattamenti ai bambini.

Interroga la Giunta regionale per sapere

  • Se ha prestato la propria doverosa attenzione anche riguardo alle vicende degli asili di Pratofontana e Collecchio e condivide che le stesse scandalizzate dichiarazioni rilasciate dalla Vice Presidente Gualmini riguardo ai fatti dell’asilo di Pavullo siano assolutamente riferibili anche alle altre due suddette vicende.
  • Se sta attentamente valutando il progetto riorganizzativo dei servizi per l’infanzia avviato a Collecchio ed è interessata ai lavori della commissione d’inchiesta del Consiglio comunale di Collecchio ragionando anche di darvi un proprio contributo sia per l’accertamento delle presunte carenze organizzative, sia nell’annunciata prospettiva di rivedere la normativa regionale sui servizi per l’infanzia che dovrà prevedere un miglioramento della prevenzione contro i maltrattamenti ai bambini.
  • Se conferma che a seguito della vicenda dell’asilo di Pratofontana il Comune di Reggio Emilia non ha avviato alcuna iniziativa amministrativa e ne conosce i motivi.

Dettagli

  • Tipo Interrogazione
  • Data 5 febbraio 2016
  • Firmatari Delmonte, Rainieri
Scarica Atto Scarica Risposta
Back to Top