Ordinanza anti accattonaggio e parcheggio abusivo.

Testo dell'atto

RISOLUZIONE

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

Premesso che accade sempre più di frequente sul territorio regionale che richiedenti protezione internazionale ospiti in apposite strutture siano dediti all’accattonaggio per le strade e le piazze dei centri cittadini e davanti a luoghi pubblici e aperti al pubblico.

Ricordato che l’accattonaggio è un’attività che pur non configurando più di per sé stessa un illecito penale può comunque avere rilievo penale come aggravante di specifici reati soprattutto nei casi in cui è esercitata mentendo al pubblico con la richiesta di elemosina senza trovarsi in condizioni di reale povertà o per effettuare acquisti di alcol, droga o altri beni non legati ad uno stato di necessità.

Precisato che in numerosi comuni italiani anche emiliani e romagnoli l’accattonaggio è espressamente vietato da apposite ordinanze sindacali che lo configurano quale illecito amministrativo contro il decoro urbano, l’igiene pubblica e, in alcuni casi, la sicurezza individuale e che prevedono sanzioni pecuniarie in caso di violazioni.

Appreso che il Sindaco di Borgosesia (NO) ha emanato in data 06.09.2017 un’ordinanza nella quale il verbale di accertamento e la contestazione della sanzione per accattonaggio commesso da un richiedente protezione internazionale siano inviati anche al responsabile della struttura di accoglienza che lo ospita.

Ritenuta appropriata la suddetta ordinanza sindacale sia in quanto i richiedenti protezione internazionale ricevono già adeguata ospitalità per cui non sono in condizioni di povertà o di richiedere elemosina per acquistare beni di necessità, sia perché gli enti gestori delle strutture di accoglienza ricevono finanziamenti pubblici, oltre che per ospitare in condizioni dignitose, anche per impegnare gli stessi ospiti in varie attività.

Considerato che lo stesso coinvolgimento nella responsabilità per violazione di divieti amministrativi per i soggetti gestori di strutture di accoglienza si potrebbe prevedere anche per l’attività di parcheggiatori abusivi che configura un altro illecito amministrativo commesso di frequente da richiedenti protezione internazionale.

Impegna la Giunta regionale

A promuovere presso tutti i comuni dell’Emilia-Romagna l’adozione di ordinanze sindacali che prevedono il coinvolgimento nella responsabilità dei soggetti gestori delle strutture che accolgono richiedenti protezione internazionale sanzionati per aver commesso gli illeciti amministrativi legati all’accattonaggio e al parcheggio abusivo.

Dettagli

  • Tipo Risoluzione
  • Data 14 settembre 2017
  • Firmatari Bargi, Delmonte, Fabbri, Liverani, Marchetti, Pettazzoni, Pompignoli, Rainieri, Rancan
Scarica Atto
Back to Top