Precariato in Regione e Decreto Madia.

Testo dell'atto

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Il sottoscritto
Consigliere del Gruppo Lega Nord

 

Premesso che:

 

  • Il Decreto Legislativo 25 maggio 2017, n. 75 (Decreto Madia) entrato in vigore il 22 giugno 2017 interviene in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche;

 

  • Il comma 1 dell’articolo 20 del Decreto Madia prevede che le amministrazioni, al fine di superare il precariato, ridurre il ricorso ai contratti a termine e valorizzare la professionalità acquisita dal personale con rapporto di lavoro a tempo determinato, possono, nel triennio 2018-2020, in coerenza con il  piano  triennale dei fabbisogni di cui all’articolo 6, comma 2,  e  con  l’indicazione della relativa copertura finanziaria, assumere a tempo  indeterminato personale non dirigenziale che possegga tutti i seguenti requisiti:

 

  1. risulti in servizio successivamente alla data di entrata in vigore della legge n. 124 del 2015 con contratti a tempo determinato presso l’amministrazione che procede all’assunzione;
  2. sia stato reclutato a tempo determinato, in relazione alle medesime attività svolte, con procedure concorsuali anche espletate presso amministrazioni pubbliche diverse da quella che procede all’assunzione;
  3. abbia maturato, al 31 dicembre 2017, alle dipendenze dell’amministrazione che procede all’assunzione almeno tre anni di servizio, anche non continuativi, negli ultimi otto anni;

 

Rilevato che:

 

  • In Regione Emilia-Romagna, ad oggi, alcuni dipendenti risultano assunti a tempo determinato perché presenti nella “Graduatoria dei candidati idonei alla procedura selettiva pubblica di n. 9 posti vacanti nell’organico della Giunta Regionale di categoria C, posizione economica iniziale C1, posizione lavorativa “assistente amministrativo contabile” da utilizzare per assunzioni di personale a tempo determinato, come da determinazione regionale n. 1951 del 23/02/2011 e/o nella “Graduatoria dei candidati idonei alla procedura selettiva pubblica di n. 8 posti vacanti nell’organico del personale della Giunta regionale di categoria C, – posizione economica C.1 – profilo professionale C.A. – posizione lavorativa “Assistente di segreteria” da utilizzare per assunzioni di personale a tempo determinato come da determinazione regionale n. 9241 del 11/07/2012;

 

  • Alla data fissata dal D.Lgs 75/2017 (31/12/2017) il loro contratto scadrà, oppure per questione di pochi mesi non avranno ancora maturato l’anzianità di servizio necessaria a rientrare nei requisiti normativi mentre altri raggiungeranno questo requisito nel corso del 2018 grazie a contratti già in essere, altri invece, se non verranno prorogati, non avranno semplicemente più un’occupazione;

 

 

Considerato che:

 

  • Il 31 dicembre prossimo scadono i contratti a tempo determinato che il Decreto Madia permette di prorogare e non è possibile aspettare le festività natalizie per dire ai singoli lavoratori precari cosa sarà di loro dal 01/01/18;

 

 

Visto che:

 

  • Siamo molto preoccupati per l’incertezza che a tutt’oggi esiste in merito alle misure che intende intraprendere l’Amministrazione Regionale;

 

 

Interroga la Giunta Regionale per sapere:

 

  • Se è previsto un intervento a favore della stabilizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori precari di questo Ente, per salvaguardare anche coloro che alla data del 31/12/2017 vedranno scadere il loro contratto o che ne hanno già sottoscritto uno in cui sia prevista la permanenza in servizio pari a 36 mesi;

 

  • Se sono previsti dei concorsi interni per queste tipologie o se esiste la possibilità di farli rientrare in un piano di stabilizzazione che vada oltre a quello definito dal D.Lgs 75/2017.

Dettagli

  • Tipo Interrogazione
  • Data 7 dicembre 2017
  • Firmatari Marchetti
Scarica Atto
Back to Top