Procedure di individuazione e allontanamento clandestini.

Testo dell'atto

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Il sottoscritto Consigliere regionale del Gruppo Lega Nord Emilia e Romagna

Premesso che, secondo le informazioni diffuse dai media, i migranti irregolari non aventi diritto a permanere sul territorio nazionale, esclusi i richiedenti protezione internazionale, si aggirano tra i 500.000 e i 600.000 e sono in costante aumento da quando, circa 5 anni fa, il fenomeno dell’immigrazione irregolare verso l’Europa è aumentato in modo consistente.

Valutato che la gran parte di queste persone vivono in clandestinità e quindi sopravvivono grazie ad attività illegali spesso addirittura criminali avendo rilievo penale.

Osservato che questa massiccia permanenza illegale, ha, oltre a rilevanti costi economici comprovati dagli oltre 70 milioni di spese sanitarie all’anno per queste persone (quasi 5 milioni nel 2017 in Emilia-Romagna) anche enormi costi sociali.

Rilevato che, nonostante membri del Governo e dell’uscente maggioranza parlamentare ora lo rinneghino, l’attività di rimpatrio forzato è fondamentale per limitare il fenomeno ed è stata rafforzata proprio con l’adozione del decreto legge n. 13 del 2017, il quale ha portato ad un incremento delle stesse attività di allontanamento dal territorio nazionale di irregolari di oltre il 14 % dal 2016 al 2017 con 17.405 allontanati, di cui 74 (dati comunicati in Parlamento dal Ministro dell’Interno e riguardanti il periodo dal 1 gennaio 2017 al 5 novembre 2017).

Evidenziato che tale numero di allontanamenti è notevolmente inferiore rispetto a quello delle medesime operazioni attuate nel 2016 da Paesi dove il fenomeno dell’immigrazione clandestina è molto meno consistente come Germania (74.000) e Regno Unito (36.000).

Ritenuto comunque ancora decisamente esiguo il numero di rimpatri attuato in Italia rispetto alla necessità di limitare l’enorme problematica sociale di oltre 500.000 persone che vivono nell’illegalità.

Considerato che le Regioni sono sempre state coinvolte nella gestione di tutte le problematiche immigratorie e quindi dovranno avere un ruolo importante in caso di prevedibile ulteriore rafforzamento delle attività di rimpatrio dei clandestini.

Interroga la Giunta regionale per sapere

Quali sono i dati relativi alle attività di rintraccio e di allontanamento dal territorio nazionale di migranti irregolari eseguite in Emilia-Romagna nel 20179

Se e come intende attivarsi per agevolare in Emilia-Romagna il prevedibile rafforzamento dell’attività di rimpatrio di clandestini.

Dettagli

  • Tipo Interrogazione
  • Data 12 febbraio 2018
  • Firmatari Rainieri
Scarica Atto Scarica Risposta
Back to Top