Progetto Parco Fluviale del fiume Secchia.

Testo dell'atto

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

Il sottoscritto Consigliere Lega Nord Emilia e Romagna

 Stefano Bargi

 Premesso che

L’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità “Emilia Centrale” è il nuovo ente pubblico istituito dalla Regione Emilia-Romagna con la Legge Regionale n. 24 del 23 dicembre 2011, che gestisce le Aree protette delle province di Modena e Reggio Emilia; i Parchi Regionali del Frignano e dei Sassi di Roccamalatina; le Riserve Regionali della Cassa di espansione del Fiume Secchia, delle Salse di Nirano, della Rupe di Campotrera, di Sassoguidano e dei Fontanili di Corte Valle Re; il Paesaggio naturale e seminaturale protetto della Collina Reggiana-Terre di Matilde e 15 Aree di riequilibrio ecologico (Boschi del Rio Coviola e Villa Anna, Fontanile dell’Ariolo, Fontanili media pianura reggiana, I Caldaren, Oasi di Budrio, Oasi naturalistica di Marmirolo, Rodano-Gattalupa, Sorgenti dell’Enza, Via Dugaro, Area boscata di Marzaglia, Bosco della Saliceta, Fontanile di Montale, Oasi Val di Sole, San Matteo e Torrazzuolo), oltre ai Siti della rete Natura 2000 inclusi in queste aree.

Partecipano all’Ente di gestione le Province di Modena e di Reggio Emilia; i Comuni di: Fanano, Fiumalbo, Frassinoro, Montecreto, Pievepelago, Riolunato, Sestola, Guiglia, Marano sul Panaro, Zocca, Campogalliano, Modena, Rubiera, Carpi, Casalgrande, Castellarano, Cavezzo, Concordia, Formigine, Novi di Modena, San Possidonio, San Prospero, Sassuolo e Soliera; le Unioni di Comuni del Frignano, del Distretto Ceramico e Terre di Castelli.

Organo di governo dell’Ente di gestione è il Comitato Esecutivo, con a capo il Presidente, dove siedono i rappresentanti individuati dalle Comunità del Parco (le rappresentanze dei Comuni interessati dalle Aree protette) e i Presidenti delle due Province o loro delegati.

Nei giorni scorsi, su incarico della Regione Emilia Romagna, è stato affidato a questo Ente il compito di studiare un progetto per la valorizzazione del Parco fluviale del Secchia che interessa ben 14 Comuni.

L’Ente di Gestione ha preparato tre proposte da sottoporre ai 14 Comuni interessati, i quali ne dovranno scegliere una di comune accordo.

Le tre proposte presentate riguardano: a) il solo ampliamento della cassa di espansione sul territorio; b) l’ampliamento della cassa di espansione e la valorizzazione del Parco fluviale a sud della cassa; c) la somma delle prime due proposte e in aggiunta la valorizzazione di tutto il tratto di fiume fino al Po.

Considerato che

Solo la terza proposta interessa concretamente tutti e 14 i Comuni, per cui ne risulta scontata l’ approvazione.

La terza proposta è evidentemente quella economicamente più dispendiosa.

INTERROGA LA GIUNTA REGIONALE PER SAPERE

Per quali ragioni la Regione abbia demandato all’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità “Emilia Centrale” il compito di far deliberare i 14 Comuni interessati dal progetto entro la fine di marzo 2016, riservandosi il diritto di valutare solo successivamente l’esito delle decisioni prese singolarmente.

Per quali ragioni la Regione abbia demandato soltanto ora questa procedura all’Ente di Gestione e non abbia adottato per tempo una propria delibera univoca per tutti e che comprendesse le tre proposte.

Per quali ragioni dal 2010 ad oggi il progetto non sia mai stato illustrato.

Se il progetto del Parco fluviale, in una particolare zona, verrà attraversato dalla Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo, quali rischi correrà l’area protetta di Formigine (Oasi del Colombarone).

Se il progetto della Bretella sia compatibile con quello del Parco fluviale.

Quali siano i costi previsti per la manutenzione dell’intero Parco fluviale e a chi verranno addebitati.

Quale sia la composizione dell’organigramma e del comitato esecutivo dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità “Emilia Centrale” visto che le due sezioni del sito internet relative a queste cariche sono attualmente “in via di aggiornamento” e non visibili al pubblico.

Consigliere regionale Lega Nord Emilia e Romagna 

Dettagli

  • Tipo Interrogazione
  • Data 14 marzo 2016
  • Firmatari Bargi
Scarica Atto Scarica Risposta
Back to Top