Progetto Wildelife e Roads.

Testo dell'atto

INTERROGAZIONE a risposta scritta

Il sottoscritto Consigliere regionale del gruppo Lega Nord Emilia e Romagna

Premesso che:

  • in Emilia-Romagna rimane molto elevato il numero di incidenti stradali, anche con conseguenze gravi, dovuto all’attraversamento delle strade da parte di specie di fauna selvatica, peraltro sempre più presenti anche in arterie prossime ai centri urbani con relativo aumento della pericolosità;
  • a seguito dell’entrata in vigore della legge Regionale 30 luglio 2015, n. 13 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città metropolitana di Bologna, Province, Comuni e loro unioni”, le competenze per la gestione della fauna selvatica sono passate dalla Province alla Regione;
  • nei territori delle province di Piacenza, Reggio Emilia, Modena e Rimini è avviato già da un paio d’anni il progetto sperimentale “Wildlife & Roads” che ha come obiettivo di individuare soluzioni per ridurre il numero di incidenti stradali che vedono coinvolti gli animali selvatici;
  • grazie a questo progetto, nelle zone più a rischio di incidenti sono state sperimentate diverse possibili soluzioni quali: dissuasori acustici/visivi, cartelli di avvertimento di pericolo, sensori wireless di avviso di passaggio degli animali.

Rilevato che il progetto non è stato esteso a tutte le province, in quanto alcuni enti provinciali non avevano provveduto ad effettuare la necessaria dettagliata mappatura delle arterie stradali a rischio sulla base delle collisioni verificatesi negli anni recenti.

Considerato che pur essendo tale operazione di mappatura assolutamente utile per ridurre il rischio di questi incidenti, pare che la Regione Emilia-Romagna non si sia ancora attivata per completarla su tutto il territorio regionale.

Interroga la giunta regionale per sapere

  • Quali sono i riscontri relativi al primo periodo di applicazione del progetto “Wildlife & Roads”, se ritiene utile estenderlo a tutto il territorio regionale e quando prevede potrà dare esiti concreti con soluzioni da adottare per tutte le strade del territorio regionale ad elevato rischio di collisioni con specie di fauna selvatica.
  • Quali sono i motivi per cui alcuni enti provinciali non hanno effettuato la mappatura dettagliata delle strade più a rischio di collisioni con animali selvatici nei territori da essi amministrati impedendo l’inserimento di questi ultimi nella sperimentazione del suddetto progetto al suo avvio.
  • Se risponde al vero che non si è ancora attivata per completare tale mappatura e quali sono i motivi dell’inadempienza o del ritardo.

Dettagli

  • Tipo Interrogazione
  • Data 2 maggio 2017
  • Firmatari Rainieri
Scarica Atto Scarica Risposta
Back to Top