Taglio dei contributi per disabili e anziani.

Testo dell'atto

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

I sottoscritti
Consiglieri del Gruppo Lega Nord

Premesso che:

  • L’accordo siglato il 23 febbraio in Conferenza Stato-regioni prevedeva che, “per il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica”, i due capitoli di spesa (fondo per le Politiche sociali e quello per le non autosufficienze) sarebbero stati tagliati rispettivamente a quota 450 milioni e 99,7 milioni di euro;
  • Il fondo destinato al sostegno delle persone non autosufficienti sarebbe sceso quindi al livello cui era stato portato con l’ultima legge di Bilancio, perdendo i 50 milioni aggiuntivi promessi a novembre dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti ai malati di Sla e sbloccati solo il 22 febbraio;
  • Ancora peggio andava al fondo Politiche sociali, che ne usciva decimato, perdendo 211 milioni sui 311,58 stanziati a ottobre;

 

Considerato che:

  • Le associazioni avevano protestato e il 30 marzo la questione sembrava risolta con l’ennesima promessa ovvero al termine della Conferenza delle Regioni, il vicepresidente della Regione Basilicata aveva reso noto che l’accordo con Palazzo Chigi prevedeva che quest’ultimo aggiungesse 210 milioni al fondo delle Politiche sociali e 37 milioni per il trasporto degli alunni disabili;
  • Contemporaneamente i governatori si impegnavano a mettere a disposizione delle famiglie dei disabili gravi i 50 milioni “scomparsi” un mese prima;

 

Visto che:

  • Con l’ultima manovra il governo non ha ripristinato i fondi per il welfare;
  • Non vi è alternativa a ristabilire la dotazione del Fondo per la Non Autosufficienza per l’anno 2017 a 500 milioni di euro e del Fondo per le Politiche Sociali a 311,56 milioni;
  • Le risorse stanziate sono ancora insufficienti per rispondere in mondo adeguato ai bisogni e ai diritti di milioni di cittadini ed occorre, a partire dalla prossima legge di bilancio, un graduale, ma certo, incremento delle risorse strutturali del Fondo, da integrare con le risorse globali oggi destinate a vario titolo a prestazioni rivolte alla Non autosufficienza;
  • È necessaria l’approvazione dell’atto formale che cancelli effettivamente i tagli ai fondi inferti con l’Intesa Stato Regioni del 23 febbraio scorso;

 

 Interrogano la Giunta Regionale per sapere:

  • Quali conseguenze si verificherebbero nella nostra Regione in caso non venissero ristabiliti i fondi;
  • Quali azioni si stanno mettendo in atto per ritornare agli accordi del 30 marzo.

Dettagli

  • Tipo Interrogazione
  • Data 27 aprile 2017
  • Firmatari Bargi, Delmonte, Fabbri, Liverani, Marchetti, Pettazzoni, Pompignoli, Rainieri, Rancan
Scarica Atto Scarica Risposta
Back to Top