DISCARICA DI BARICELLA: LA LEGA, BASTA BUGIE. PRIMA LA SALUTE DELLA NOSTRA GENTE. ANCHE ARPAE CONTRO CONFERIMENTO RIFIUTI PERICOLOSI

“Un anno fa chiedemmo spiegazioni in merito al progetto di ampliamento della discarica di Baricella, la stessa che nel 2013 Hera aveva deciso di non ‘toccare’ perché preferiva concentrarsi su altri impianti, ricevendo come risposta dall’amministrazione Comunale una secca smentita alla possibilità che in quel sito venissero smaltiti rifiuti diversi dagli inerti. Peccato che oggi la situazione sia ben diversa”.

Daniele Marchetti, consigliere regionale della Lega Nord, attacca così l’amministrazione di Baricella e punta il dito contro Hera.

“Alla nostra domanda – spiegano Marchetti e Mirko Lazzari, consigliere comunale a Baricella –  l’amministrazione rispose con un comunicato stampa nel quale chiariva che in quella discarica sarebbero stati smaltiti soltanto rifiuti inerti. Oggi, però, la realtà che emerge è un’altra tanto che si parla anche di rifiuti pericolosi. In riferimento all’istanza avanzata da Hera, infatti in questi giorni proprio ARPAE ha dichiarato ostativa la parte riguardante i rifiuti pericolosi”.

“Ma ora una domanda sorge spontanea: perché l’amministrazione di Baricella rispose in tutt’altro modo e, comunque, in maniera ben lontana dalla verità? Non sapeva? Hera stava agendo in assoluta autonomia? Se fosse così – attacca Marchetti -, il sindaco dovrebbe dimettersi. Non è infatti accettabile che sul territorio che si trova a guidare accadano cose delle quali non solo non è a conoscenza, ma che vanno addirittura contro la linea guida da lui indicata”.

“Non vorremmo invece che la realtà fosse un’altra – concludono Marchetti e Lazzari -. Soprattutto oggi che si parla di fusione di Comuni in quella zona, le compensazioni economiche che deriverebbero fanno certo gola a molti, ma prima bisogna pensare alla salute della nostra gente. Quella che non ha prezzo e che guarda oltre il mandato elettorale di qualcuno”.