EVENTI METEREOLOGICI STAGIONALI IN ER: MARCHETTI (LEGA), PRESENTATO UN PDL PER EVITARE I DISAGI CHE CONTINUANO A RIPETERSI

Un progetto di legge che intende anticipare e trovare una soluzione condivisa per i possibili disagi che periodicamente vengono causati da eventi metereologici stagionali, prevalentemente nevicate. Lo ha depositato il gruppo consiliare regionale della Lega Nord, primo firmatario Daniele Marchetti.
“Ormai ogni anno – spiega Marchetti – si verificano disagi legati alle nevicate, che per l’appennino dovrebbero essere fenomeni meteorologici prevedibili. Purtroppo sappiamo bene che non sempre è così. Per questo abbiamo presentato un PDL che vuole avviare un dibattito serio per giungere in tempi brevi alla risoluzione di tutti questi problemi”.
“La Regione Emilia-Romagna – chiarisce l’esponente del Carroccio – disciplina con la legge26/2004 gli atti di programmazione e gli interventi operativi della Regione e degli enti locali in materia di energia, al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile del sistema energetico regionale garantendo che vi sia una corrispondenza tra energia prodotta, il suo uso razionale e la capacità di carico del territorio e dell’ambiente. Al suo interno troviamo l’art. 18 (Reti di trasporto e distribuzione di energia) che pone alcuni paletti soprattutto per controllare e monitorare l’operato di chi gestisce e attua il trasporto e la distribuzione di energia elettrica e gas naturale. La modifica alla legge regionale proposta altro non è che l’aggiunta di un comma al presente articolo per chiedere che la commissione competente convochi entro ottobre di ogni anno gli esercenti i servizi di trasposto e/o distribuzione di energia elettrica e gas naturale. Nessuna polemica sterile – chiarisce Marchetti -, ma solo la volontà di creare un’occasione di confronto fra politica, gestori e tecnici”.
“Ho provato a far inserire questa modifica nel collegato al Bilancio – conclude -, ma il mio tentativo è stato respinto dalla maggioranza. Ci auguriamo ora che con la discussione del PDL si apra davvero un dibattito costruttivo e  serio che porti alla risoluzione di tutti questi problemi”.