FABBRI (LN) : “Massima attenzione sulla paratoia di Traghetto”

La Regione Emilia Romagna ha recentemente siglato un protocollo d’intesa con Enti e Istituzioni locali per la gestione ecosostenibile della Sacca di Goro

 

Due i cantieri previsti, o almeno questo è quanto si apprende dal sito internet della Regione che ne ha dato nota il 21 ottobre scorso. Le risorse messe in campo ammontano a circa 730 mila euro per coprire  i costi di una nuova paratoia sull’argine del Po in località Traghetto a Gorino e una palatura in legno allo scopo di trattenere la sabbia che occlude lo scanno di Goro. Giunti ormai a dicembre 2017 il capogruppo della Lega Nord in Regione, Alan Fabbri ha chiesto delucidazioni in merito all’esecuzione dei lavori, dato che la conclusione di entrambi gli interventi era prevista entro la fine del 2017.

 

Mai intervento fu più puntuale dato che, solo a seguito dell’interrogazione del capogruppo del Carroccio è potuto emergere il “fattaccio” relativo all’intervento di Traghetto.

“Nel luglio di quest’anno si sono svolte le operazioni di gara con l’aggiudicazione a favore di un offerente per poi annullarne il risultato, a settembre, per la mancanza dei requisiti da parte della ditta vincitrice”, illustra Fabbri,  “si sono così avviati i controlli sul secondo classificato per valutare l’affidamento dei lavori, ma il precedente aggiudicatario ha presentato, come suo diritto, ricorso al Tar. Questo porterà ad un allungamento dei termini non previsto e i lavori saranno consegnati nel 2018”.

 

“Data la situazione si prevede che i lavori potranno essere consegnati nel 2018 e che si protrarranno per tutto l’anno 2018”, si legge chiaramente nella risposta all’interrogazione del capogruppo della Lega Nord in Regione a firma dell’Assessore Paola Gazzolo”.

 

“Come sempre”, chiosa Alan Fabbri, “la Regione non brilla in comunicazione e spesso le falle vengono nascoste come la polvere sotto il tappeto. Vigileremo con attenzione sugli sviluppi della vicenda perché si faccia chiarezza una volta per tutte e si riducano al minimo i tempi per la realizzazione di un intervento essenziale per l’area di Traghetto”.