ISTITUTO ORTOPEDICO RIZZOLI: MARCHETTI (LEGA), LA SCUSA DEI LAVORI IN CORSO NEL REPARTO DI MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA NON SIA LA SCUSA PER IL TAGLIO DEFINITIVO DEI POSTI LETTO

“Le ristrutturazioni e i lavori all’interno dei reparti dei diversi ospedali della Regione Emilia Romagna non siano la scusa mascherata per mettere in pratica il taglio dei posti letto voluto dalla sinistra”.

Daniele Marchetti, consigliere regionale della Lega Nord torna a puntare l’accento sul sistema sanitario regionale e sulla proposta di taglio dei posti letto avanzata dalla Giunta di centrosinistra guidata dal Presidente Bonaccini.

“Con l’interrogazione n.3092 – spiega Marchetti – abbiamo chiesto rassicurazioni sulla soppressione di quattro posti letto della degenza ordinaria nel reparto di medicina fisica e riabilitativa del Rizzoli di Bologna.Ufficialmente si parla di soppressioni dovute a lavori da effettuare all’interno del reparto, ma il nostro dubbio è che con questa manovra, si dia attuazione alla famosa riduzione dei posti letto che dovrà essere effettuata in tutte le strutture ospedaliere entro quest’anno. Un dubbio che, purtroppo, trova conferme da quanto è uscito dall’ultimo incontro sindacale svolto proprio ieri al Rizzoli. Infatti non è stata fornita alcuna rassicurazione per il ripristino dei posti letto che verranno soppressi”.
“Se così fosse – attacca il giovane consigliere leghista – , quello che ci stupirebbe, è il fatto che ad essere oggetto di tagli sarebbe soltanto la degenza ordinaria nel reparto di medicina fisica e riabilitativa, un reparto importante per l’Istituto Ortopedico Rizzoli, mentre, nella stessa struttura rimarrebbero inalterati i posti letto del reparto di libera professione che nei fine settimana e quando non ci sono pazienti, rimane completamente inattivo. Scelte che non possono e non devono passare inosservate. Per questo – conclude – manterremo alta la guardia. Con la salute della nostra gente non si scherza”.