LEPIDA SPA: RANCAN (LEGA), LA REGIONE FACCIA CHIAREZZA E RIFERISCA IN COMMISSIONE SU ATTIVITÀ E COSTI

Fare chiarezza sulla situazione della società Lepida S.p.A. con sede in Viale Aldo Moro, 64 a Bologna sia per quanto riguarda il raggiungimento degli obiettivi assegnati, sia per comprendere a quanto ammontino le risorse a qualsiasi titolo ad essa trasferite, dalla data di costituzione ad oggi. Lo chiede la Lega Nord in Consiglio Regionale con un’interrogazione a prima firma Matteo Rancan.
“Al 31 dicembre 2014 – sottolinea Rancan – il capitale sociale di Lepida si è attestato ad euro 60.713.000 e la compagine sociale risulta formata da 417 soci tra i quali la stessa Regione Emilia-Romagna che, come socio di maggioranza, detiene una partecipazione pari al 99,295% del capitale sociale. Dal 2012 al 2014 il numero dei dipendenti – aggiunge il consigliere leghista – e’  passato da 52 unità a 72 e sempre nel corso del 2014 risultano formalizzate nuove assunzioni, con relativo aumento del costo da 3.283.502 a 4.471.203 euro”.
“Annualmente – attacca Rancan – sono destinate a Lepida ingenti risorse del bilancio regionale, sia in fase di legge finanziaria e di bilancio, sia in fase di assestamento”.
“A circa un anno dall’insediamento della X Legislatura – denuncia Rancan –  non è stata data ai consiglieri regionali alcuna specifica informazione, valutazione, relazione o documentazione relativa a Lepida spa, pur essendo una delle principali società partecipate dalla Regione, con finalità strettamente collegate ai servizi offerti ai cittadini ed alle imprese emiliano-romagnole”.
Per questo alla giunta regionale la Lega Nord ha chiesto “a quanto ammontano le risorse a qualsiasi titolo trasferite a Lepida spa dalla data di costituzione ad oggi; quale percentuale di realizzazione degli obiettivi assegnati sia stata raggiunta; il quadro generale e la relativa spesa del personale dipendente e a tempo determinato o incaricato per collaborazioni e/o consulenze e le modalità di funzionamento, accesso, programmazione, utilizzazione di Lepida tv”.
“Bonaccini – conclude Rancan – deve spiegare quale sorte avrà la partecipazione societaria in Lepida spa da parte delle province, sulla base delle disposizioni relative al riordino istituzionale; l’elenco completo e dettagliato dei finanziamenti e contributi a qualsiasi titolo erogati da Lepida S.p.A. a soggetti privati e pubblici e se intenda relazionare o meno alla competente commissione assembleare conformemente alla clausola valutativa prevista nella legge regionale n. 11 del 2004 o comunque su attività, costi e programmazione della società”.