LIVERANI E PADOVANI (LN): “PARCHEGGIATORI ABUSIVI ASSOLTI: UNA SENTENZA CHE FA IL GIOCO DEL RACKET DELLA MAFIA NIGERIANA”

“L’assoluzione dei 4 nigeriani e del “socio in affari” senegalese arrestati dopo un blitz dei Carabinieri del 2015, che aveva l’obiettivo di dare una stretta al fenomeno della questua molesta, è gravissima perché molto pericolosa”. Non usano mezzi termini il consigliere regionale, Andrea Liverani, e il capogruppo della Lega in Comune a Faenza, Gabriele Padovani, nel commentare la sentenza del Tribunale di Ravenna che ha assolto i 5 africani parcheggiatori abusivi.

“Si tratta di un problema molto sentito dai faentini, quotidianamente molestati, e talvolta anche minacciati, da questi parcheggiatori ogni volta che provano a posteggiare l’auto. E, fatto ancor più grave, è la costante presenza degli abusivi nel parcheggio antistante l’ospedale cittadino. Una presenza, quella degli africani questuanti, che il blitz dei Carabinieri del 2015 aveva provato ad allontanare e che questa sentenza, invece, torna a mettere al loro posto. E la cosa è grave, perché tuti sappiamo che i parcheggiatori abusivi africani sono solo pedine comandate dal racket della potente e pericolosa mafia nigeriana” spiegano i consiglieri leghisti.

“E’ scandaloso che, nonostante l’operosità delle forze dell’Ordine, in questo caso l’Arma dei Carabinieri, la nostra legislazione penale, troppo blanda, sommata alla troppa discrezionalità interpretativa dei codici lasciata in mano ai giudici consenta sempre più spesso ai criminali (in questo caso il racket della mafia nigeriana) di farla franca” attaccano Liverani e Padovani.

“E’ ora che il nostro Paese torni quanto prima alla legalità e per farlo occorrono leggi aggiornate e adeguate ai cambiamenti sociali in atto e, soprattutto, la certezza che i delinquenti condannati scontino le loro pene” concludono i consiglieri del Carroccio