MARCHETTI (LEGA): “DEGRADO AL SANT’ORSOLA, L’AZIENDA OSPEDALIERA MINACCIA DENUNCE”

L’Azienda ospedaliero-universitaria di Bologna non ci sta e minaccia denunce a seguito della segnalazione foto-documentata con la quale il consigliere regionale della Lega, Daniele Marchetti, aveva segnalato la presenza di “sacche di plasma abbandonate, contenitori metallici stracolmi di sacchetti di plastica contenenti materiale a rischio biologico aperti, strumentazioni già utilizzate per il prelievo e le donazioni di plasma” gettate a terra nell’incuria generale nei tunnel – che collegano i padiglioni del Policlinico Sant’Orsola di Bologna.

Una denuncia, quella del consigliere leghista, a seguito della quale sia la Polizia scientifica che l’Area igiene della direzione aziendale, attivatesi prontamente per effettuare le verifiche del caso, avevano riscontrato irregolarità, fra cui, addirittura, “la presenza di materiale che non viene utilizzato presso quella struttura”.

“Acquisite e assodate le irregolarità connesse al degrado del tunnel dell’ospedale che, a quanto ci risulta, viene utilizzato per spostare i pazienti da un padiglione all’altro del nosocomio – attacca Marchetti – vien da chiedersi come possa essere possibile che, ora, l’Azienda ospedaliera minacce querele”.

Nel documento a firma dell’Assessore regionale alla Sanità, Sergio Venturi, di risposta all’ interrogazione del consigliere leghista, infatti, si legge: “L’Azienda ha comunicato che, non ritenendo che quanto denunciato fosse rispondente all’ordinaria situazione della rete dei tunnel, è stato presentato un atto di denuncia querela alla competente autorità per la verifica di quanto accaduto

“Riteniamo assurdo e inaccettabile questo tentativo di mettere il bavaglio a chi denuncia irregolarità ai danni della Sanità pubblica” sbotta Marchetti.