MARCHETTI (LEGA): “IMOLA, CHE CI FANNO “SBANDATI” DENTRO ALL’OSPEDALE NUOVO?”

“Che ci fanno almeno 3 “sbandati”, per lo più maleducati, all’interno dell’ospedale S. Maria della Scaletta (più conosciuto come “Ospedale Nuovo” ndr)di Imola?. L’Ausl ne è al corrente?”. A chiederlo in un’interrogazione alla giunta della Regione Emilia-Romagna è il consigliere della Lega, Daniele Marchetti, che spiega: “Secondo segnalazioni giunte da operatori sanitari e cittadini che usufruiscono dei servizi della struttura, si susseguono avvistamenti ed incontri con persone (probabilmente senzatetto) che soggiornerebbero negli spazi dell’edificio ospedaliero. Si tratterebbe di almeno tre persone che, sfruttando ambienti isolati al settimo piano dell’edificio, passerebbe gran parte della giornata all’interno dell’ospedale in condizioni di precarietà, di condizioni igieniche non ottimali e spesso con comportamenti ed atteggiamenti nei confronti di operatori sanitari, personale interno, pazienti e visitatori non sempre civili”.

La gravità della vicenda è confermata anche dal fatto che “il personale ospedaliero si vede sempre più spesso costretto a controllare il comportamento di queste persone, togliendo spazio e distogliendo attenzioni alle mansioni per cui ci si dovrebbe invece adoperare” aggiunge il consigliere regionale.

Ogni anno, nel periodo invernale soprattutto, ci si trova davanti a situazioni di questo tipo e solo dopo le segnalazioni all’opinione pubblica tramite i mezzi di comunicazione locali si trovano soluzioni.

“Quel che è certo è che persone che hanno problemi e che devono combattere le temperature rigide dell’inverno non possono trovare ripari di fortuna ma devono essere gestiti da servizi ad hoc che devono avere comunque il controllo sul territorio. Anche perché il comportamento dei singoli soggetti, spesso descritto come violento e molte volte provocato da un probabile consumo di alcolici elevato, è pericoloso per loro e per l’incolumità di chi li incontra” attacca Marchetti.

Il consigliere del Carroccio ha pertanto depositato oggi un atto ispettivo nel quale chiede alla Giunta di viale Aldo Moro “che tipo di azioni abbia messo in atto la dirigenza dell’Ausl di Imola per rendere la situazione sostenibile e per riportare ordine negli spazi dell’Ospedale imolese” e “se siano o meno state fatte segnalazioni alle forze dell’ordine ed alla polizia locale e se questi siano, ad oggi, mai intervenuti”.