MARCHETTI (LEGA): “IMOLA, IN UN ANNO AUMENTATI DEL 18% I PAZIENTI RICOVERATI TRASFERITI NEI NOSOCOMI DI BOLOGNA”

“I dati parlano chiaro: nel 2017 i pazienti ricoverati nei presidi dell’Ausl di Imola e trasferiti nelle strutture sanitarie di Bologna sono stati 128. Un anno dopo, nel 2018, il numero dei pazienti trasferiti nei nosocomi della città capoluogo di regione è salito a 152. L’incremento percentuale è significativo: oltre il 18%”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale della Lega, Daniele Marchetti, per il quale i dati hanno una sola chiave di lettura: “L’ospedale di Imola, come denunciamo da anni, è stato svuotato di competenze mediche. Tant’è che per essere curati, oggi gli imolesi sono costretti ad essere trasferiti a Bologna. A me non sembra normale una situazione simile che configura, fra le altre cose, anche un’ingiustizia, per non chiamarla “presa per i fondelli” e cioé: cittadini onesti, che hanno sempre pagato le tasse e che, nel momento del bisogno, ovvero nel momento “dell’incasso” di quei servizi (dovuti) per i quali hanno pagato e stanno pagando da anni le casse erariali, vengono “sbarellati” in un’altra città per ricevere le cure del caso, magari senza la vicinanza di parenti e amici, data la distanza fra Imola e Bologna, che non sempre è accessibile a tutti, specialmente per i più anziani” attacca il consigliere del Carroccio.