MARCHETTI (LN): “OSSERVATORIO SULLA NON AUTOSUFFICIENZA: ANZIANI E DISABILI, RISORSE INADEGUATE”

“Le risorse fra bisogni di anziani e disabili vanno incrementate perché la vita si è allungata per tutti e la cronicità richiede sostegni alle famiglie” lamentano i sindacati confederali. “I vincoli posti sulla grave disabilità provocano residui non spendibili altrove”, aggiungono dall’Ufficio di Piano Ausl Imola.

“Due segnalazioni di criticità che devono diventare la bussola per gli amministratori pubblici. Due criticità pervenute alla Regione dal territorio imolese grazie al sistema introdotto da una mia proposta votata all’unanimità da tutto il consiglio regionale. Si tratta di un Sistema di raccolta di segnalazioni, sull’utilizzo del Fondo Regionale per la non autosufficienza, inoltrate all’ente regionale da parte di organizzazioni sindacali, associazioni e cittadini: punti di vista che verranno discussi in commissione Sanità e Politiche per il sociale, organo che ogni anno delibera proprio il riparto di queste importantissime risorse”. Così il consigliere regionale della Lega Nord, Daniele Marchetti, commenta i primi risultati prodotti dal Sistema di raccolta segnalazioni, di cui vanta la paternità.

“Sono contento che questo nuovo Sistema sia partito, ma ora serve un maggior coinvolgimento anche dei cittadini direttamente interessati o dei cosiddetti “caregiver”, coloro che si prendono cura di un familiare in difficoltà” – continua il consigliere leghista. “E’ mia volontà, infatti, quella di accorciare la distanza tra coloro che gestiscono il “welfare” e i cittadini, coinvolgendo questi ultimi direttamente nel sistema, facendo arrivare la loro voce direttamente all’interno delle sedi decisionali regionali. Credo che sia fondamentale avere un ritorno anche dal territorio, perché non conta soltanto la quantità di soldi stanziati annualmente, quanto sapere se vengano spesi più o meno adeguatamente. Ecco perché ho voluto fortemente questo sistema, che ora, gettato le basi a livello regionale, lo possiamo migliorare a livello comunale, coinvolgendo maggiormente cittadini e associazioni” promette Marchetti.

“Sino ad oggi, infatti, la Regione si è vantata di essere una delle realtà territoriali più virtuose per quanto riguarda l’attenzione verso la “Non autosufficienza”. Tuttavia le criticità che vivono ogni giorno i cittadini, non sarebbero mai emerse e arrivate in commissione, se non fosse stato per l’introduzione di questo Sistema di raccolta delle segnalazioni. Solo così, infatti, oggi le varie Commissione regionali competenti per materia possono tenere conto delle criticità presenti sui vari territori e dunque proporre eventuali modifiche ai criteri di riparto del Fondo regionale per la non autosufficienza” conclude il consigliere del Carroccio.