MASSIMILIANO POMPIGNOLI (LN): «NON BASTANO VIDEOSORVEGLIANZA E MISURE TAMPONE: CHIEDIAMO LA PRESENZA DELLE FORZE ARMATE SUL TERRITORIO»

«Qualcuno pensa che il tema dell’insicurezza crescente e dei reati in aumento si possa affrontare soltanto con le telecamere di sorveglianza o “aprendo” una pizzeria nelle strade delle città (come qualcuno del Pd ha detto in Assemblea legislativa; ndr). Si tratta, invece, di un problema serio e dovremmo affrontarlo nel modo giusto.» Così, il consigliere regionale della Lega Nord, Massimiliano Pompignoli, ha rivolto al Pd l’invito a ritirare in Assemblea legislativa una risoluzione a prima firma della consigliera Pd, Rontini, sull’inasprimento delle pene commesse in danno agli anziani ultra 65enni, discussa nel dibattito più generale sul tema del “Contrasto alla criminalità nel Modenese” (sul quale ha relazionato il consigliere Ln, Stefano Bargi). Zona, quest’ultima, dove il fenomeno è letteralmente deflagrato, ma anche nel resto del territorio le cose non vanno meglio, con un aumento ormai costante ed esponenziale dei reati (specie predatori) ai danni delle categorie più fragili. In Romagna, come in Emilia. «Non ci si può nascondere dietro a qualche “meno zero virgola” dei crimini, perché la realtà è che i reati sono in crescita – sottolinea Pompignoli – senza contare quelli non denunciati.» La risoluzione Pd è stata “incriminata” da Pompignoli, «perché dice cose inesatte, come quelle di colpire flagranza di reato di truffa, che sappiamo essere inattuabile.» Insomma, la formulazione delle proposte del Pd risulta particolarmente lacunosa. Pompignoli ha invitato tutti ad una seria riflessione e ad affrontare il tema più generale della certezza della pena, oggi non percepita come tale dai cittadini. E di affrontare il problema della sicurezza (nel Modenese, come altrove) «non solo con le videocamere di sorveglianza, ma aumentando il numero di forze dell’ordine e anche delle forze armate sul territorio emiliano-romagnolo – conclude Pompignoli – poiché è evidente che la questione è ormai sfuggita di mano.»