PALASPECCHI FE, FABBRI (LN) SCRIVE A MATTARELLA, QUESTORE E PREFETTO: “SITUAZIONE STA ESPLODENDO, SGOMBERO SUBITO”

“La situazione al PalaSpecchi di Ferrara sta esplodendo. Lo sgombero è diventata una necessità urgente e indifferibile”. Lo scrive il capogruppo leghista in Regione Emilia Romagna, e segretario della Lega Nord di Ferrara, Alan Fabbri in una lettera inviata oggi al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al questore di Ferrara Antonio Sbordone e al prefetto Michele Tortora. Fabbri ricorda la “mobilitazione Lega Nord”, l’esposto all’Ausl dell’agosto scorso, la sua interrogazione in Regione, a settembre, e – alla luce del mancato accordo sul fondo d’investimento – esprime dubbi sulla fattibilità\realizzabilità del piano ideato dal Comune per il maxicomplesso. “Il 4 novembre scorso il sindaco aveva chiaramente detto che se entro il 31 dicembre fosse sfumato l’acquisto del palazzo da parte del fondo, il Comune avrebbe proceduto allo sgombero. Niente di tutto questo è avvenuto, la catena dei rinvii è interminabile”, scrive Fabbri, che sollecita a presidente della Repubblica, prefetto e questore: “È urgente e indifferibile un intervento radicale per debellare l’illegalità all’interno della struttura”. Il capogruppo precisa anche che “Palazzo Specchi è un problema irrisolto da 30 anni. Su quel maxicomplesso si sono effettuate inchieste, si sono sprecati progetti. Il risultato è che oggi è un ricettacolo di criminali e abusivi”, una “calamita per il crimine”.