RAINIERI (LEGA): “IL RILANCIO DELL’OSPEDALE MAGGIORE PUÒ COMINCIARE DALL’OSPEDALE DEI BAMBINI”

“Se si vuole ridare all’Ospedale Maggiore la dignità che merita, si potrebbe cominciare dal mettere in ordine l’organizzazione dell’Ospedale dei bambini consentendogli di poter raggiungere quei livelli di eccellenza e di attrattività per cui è stato realizzato con il sostegno dei privati”. Con queste parole il Vice Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ed esponente della Lega, Fabio Rainieri, ha illustrato i contenuti dell’interrogazione che ha presentato in Regione su presunte criticità nell’organizzazione del personale medico all’interno del complesso pediatrico intitolato a Pietro Barilla integrato nell’Azienda ospedaliero universitaria di Parma.

“Ho chiesto alla Giunta regionale se alcune criticità organizzative riguardanti i medici del Dipartimento materno infantile sono effettivamente esistenti e quindi di risolverle – ha proseguito il Consigliere regionale leghista – In particolare 5 su 7 strutture complesse rientranti in quel dipartimento, sarebbero senza primario, alcune addirittura da più di tre anni, e le funzioni direttive sarebbero svolte da facenti funzione. Inoltre, vi sarebbe un’unità operativa rientrante in una struttura complessa di quel dipartimento che lavora stabilmente anche per gli adulti, così come quattro pediatri inquadrati come tali che lavorerebbero esclusivamente per pazienti adulti. Financo la responsabile di un centro specialistico non sarebbe nemmeno pediatra. La temporaneità di troppi incarichi direttivi e la confusione tra ruoli effettivi e inquadramenti di certo non giovano alla piena efficienza del complesso pediatrico e non solo”.

“La domanda a monte che comunque non mi stanco di riproporre costantemente alla Giunta regionale guidata dal PD ma che può benissimo essere rivolta anche al suo alleato Sindaco di Parma – ha quindi concluso Rainieri – è se intendono rilanciare l’Ospedale Maggiore e con esso la Facoltà di medicina oppure se ritengono di non fermare il ridimensionamento che è in atto per varie cause, compresi, ovviamente gli ultimi scandali giudiziari. Cominciare il rilancio dall’Ospedale dei bambini è un’opportunità”.