STEFANO BARGI (LN): «INDISPENSABILE INTERVENIRE CON MAGGIORI CONTROLLI

Richiedenti asilo che si nascondono nei treni regionali, derubano altri passeggeri, molestano sessualmente le ragazze in vettura. Le cronache sono ormai piene di episodi quotidiani di questo tipo. «Sconvolge che, in un treno diretto a Modena, un cittadino del Gambia, in attesa di una risposta della sua richiesta di asilo, abbia molestato ripetutamente e sessualmente una ragazza, di fronte al fidanzato – sottolinea il consigliere regionale della Lega Nord, Stefano Bargi – prima di percuotere un ragazzo che aveva cercato di difenderla, al quale avrebbe sottratto anche il portafogli. E’ incredibile che ormai non si possa più viaggiare in sicurezza nemmeno sui mezzi pubblici.» La lista degli episodi che riguardano i migranti è lunga: soltanto qualche giorno prima, un altro richiedente asilo si era infilato sul treno Bologna-Milano, viaggiando “clandestinamente” nei bagni, senza che nessuno andasse a controllare, verificando cosa stesse combinando. «Occorre intervenire urgentemente – sottolinea Bargi – per ripristinare condizioni di decenza sui treni ed i mezzi del trasporto pubblico locale. Se necessario, facendo salire con maggiore frequenza gli agenti della polizia ferroviaria, affinché non si ripresentino casi come quelli che hanno riempito le cronache recenti.»