“TORTELLINO” NELLO STEMMA DELLA MUNICIPALE, LA LEGA NON CI STA: “FORZE DELL’ORDINE VANNO RISPETTATE E NON DERISE”

Non si è fatta attendere la dura presa di posizione della Lega Nord contro la modifica dello stemma ufficiale della Polizia Municipale di Castelfranco Emilia, nel quale è stato inserito un “tortellino” che, a detta dell’assessore (sponda Pd) del comune modenese, Giovanni Gargano, “avrebbe una funzione di riconoscimento locale e di rafforzamento della tradizione culturale”.

Tant’è che questo pomeriggio sono state depositate, contestualmente, due interrogazioni: una al consiglio comunale di Castelfranco, a firma della capogruppo leghista in comune, Cristina Girotti Zirotti, e la seconda alla Giunta regionale, da parte dei consiglieri Stefano Bargi e Gabriele Delmonte.

Nei due documenti i consiglieri del Carroccio chiedono “chi (e sulla base di quale atto) abbia deciso di modificare lo stemma della Polizia Municipale e sulla base di quale autorizzazione lo abbia quindi pubblicato come logo della pagina ufficiale Facebook della polizia locale di Castelfranco Emilia”.

I leghisti vogliono andare a fondo della vicenda e nelle loro interrogazioni chiedono anche se il nuovo “stemma” sia stato disegnato in autonomia da qualcuno (“chi?”) ovvero se, per realizzarlo, sia stato addirittura incaricato un soggetto esterno (“quanto è costato”?).

E poi ancora: “Intendiamo anche essere informati se il nuovo “stemma” sia stato utilizzato anche su atti, documenti o nella corrispondeza ufficiale destinata ad Organi ed Enti esterni al Comune di Casteffranco” proseguono Zirotti, Bargi e Delmonte.

“Certo è – sottolineano – che in un momento in cui la percezione di insicurezza dei cittadini è diffusa come mai in precedenza, ed in cui la preziosa attività delle forze dell’ordine viene quotidianamente frustrata da un apparato legislativo ormai obsoleto e che lascia troppa discrezionalità nelle mani dei giudici, forse sarebbe il caso di valorizzare gli operatori della Polizia Municipale anziché deriderli”.

Ed è per questo che i tre consiglieri, nei due atti presentati, chiedono “di ripristinare sulla pagina Facebook lo stemma originale della Polizia Municipale, non solo alla luce del forte dissenso mostrato dai cittadini sul social network Facebook, ma anche, e soprattutto, per restituire alla Municipale la giusta dignità di un Corpo di Polizia”.